Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Vai al link per ulteriori informazioni.

Missione “blocca plastica” anche in Sicilia alla foce del fiume Platani: arriva la barriera anti-marine litter e i nostri alunni vanno in visita guidata

 

Un’altra interessante iniziativa, inserita nel PTOF 2019-20  e riguardante l’educazione all’ambiente, ha coinvolto gli alunni della  classe V della scuola primaria e delle classi I A e I E della Scuola secondaria di I grado  del nostro I.C.  Alle ore 10:00, dopo una bellissima passeggiata tra i giardini che conducono alla foce del fiume Platani, immersi in un paesaggio ricco di profumi e odori della nostra terra,  docenti e alunni coinvolti ci siamo trovati difronte alla “barriera blocca plastica” di cui avevamo tanto sentito parlare. L’opera strutturale rappresenta una delle azioni del progetto “Halykòs” – Prevenzione Ambientale e Valorizzazione della Foce del Fiume Platani, realizzato con il sostegno della Fondazione CON IL SUD – Bando Ambiente 2018, promosso dall’Associazione Marevivo e sostenuto in qualità di partner, oltre dal  Dipartimento dello Sviluppo Rurale e Territoriale della Regione Siciliana e dalla società Castalia S.r.l, dai Comuni di Ribera (AG) e Cattolica Eraclea (AG),dalla Cooperativa Sociale Arcobaleno di Sciacca, e dagli istituti comprensivi “Ezio Contino” di Cattolica Eraclea (AG), “V. Navarro” e “F. Crispi” di Ribera (AG) l’I.I.S. Francesco Crispi di Ribera (AG).

Il progetto  intende preservare la Riserva Naturale Foce del Fiume Platani, area straordinariamente ricca di bellezze naturalistiche, ma fortemente minacciata dall’inquinamento generato in gran parte dai rifiuti che il Fiume Platani (Halykòs in greco, da qui il nome del progetto) trascina nel suo percorso, prima di raggiungere il mare. Il fiume  Platani, che noi ragazzi di Ribera siamo soliti conoscere solo nella parte della foce che insiste sul nostro territorio, è uno dei più importanti corsi d’acqua del versante meridionale della Sicilia  e precisamente  il  quinto dell’isola per lunghezza con 103 km di corso e il terzo per ampiezza di bacino con 1.785 km².  Con il suo corso attraversa le province di Palermo, Caltanissetta ed Agrigento e sfocia nel Canale di Sicilia, quindi esso rappresenta una risorsa importante per tutto il territorio siciliano, che purtroppo negli ultimi anni sta sempre più soffrendo.

 Quindi una tra le azioni del progetto “Halykòs” , è proprio quella che oggi ha visto la sua realizzazione:  il posizionamento di una barriera che  avrà l’obiettivo d’intercettare la plastica presente nelle acque fluviali e procedere al recupero prima che si riversi in mare. Infatti, come è stato abilmente spiegato agli alunni presenti quando la plastica penetra nell’acqua salata col tempo si degrada e si trasforma in infinitesimali frammenti di microplastiche che vengono ingerite dai pesci, giungendo purtroppo fino alla catena alimentare. La barriera antiplastica posta alla Foce del Fiume Platani, è la prima installata in Sicilia, la terza in Italia dopo quella sperimentata a Ferrara lungo il fiume Po e a Roma sul Tevere, e consentirà di raccogliere tutto quello che viene intrappolato al suo interno e nello specifico la plastica galleggiante, impedendo che essa raggiunga il mare.

La plastica sarà recuperata e potrà essere correttamente smaltita o addirittura riciclata. Dopo i saluti di rito, affidati al delegato regionale di Marevivo Sicilia e direttore del progetto Halycòs  Dott.  Fabio Galluzzo, siamo stati proprio noi ragazzi a inaugurare la barriera, al grido di “mare vivo”, un  motto di speranza per il futuro. Instancabili e coinvolgenti sono stati gli operatori dell’associazione Marevivo, che non solo  hanno organizzato una serie di attività ludiche e ricreative, ma  hanno anche  illustrato e chiarito in modo semplice ed esaustivo le cause che provocano l’inquinamento dei fiumi e dei mari,  e quali sono le possibili azioni che ogni singolo cittadino responsabilmente nel suo piccolo può mettere in atto per migliorare la vita nel nostro pianeta  che si chiama terra, ma che è costituito  quasi dal 70% di acqua. 

 

Abbiamo potuto constatare personalmente la funzionalità della barriera, perché mentre si svolgeva la manifestazione due bottiglie di plastica hanno fatto capolinea e sono state intrappolate.

Gli operatori dell’associazione ci hanno assicurato che questi  contenitori  di seguito verranno prelevati, infatti l’attività della barriera viene monitorata  dalle  telecamere e gli addetti interverranno ogni qualvolta sarà necessario.

Una mattinata così interessante e particolare non si poteva che concludere con una merenda nutriente, gustosa e dissetante: le arance di Ribera !!!!!

Prof.ssa Clelia Carmusciano

Referente Comunicazione e promozione progetto “Halycos”