Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Vai al link per ulteriori informazioni.

Gli alunni dell’istituto comprensivo “Crispi” partecipano ad un progetto di educazione ambientale del GAC

 

Una interessante attività, inserita nel PTOF 2021-22 dell’Istituto Comprensivo “F. Crispi” di Ribera per l’attuazione dell’insegnamento dell’Educazione. Civica e riguardante la sensibilizzazione dell’ Educazione Ambientale e Alimentare , ha coinvolto gli alunni della classe VA e VB della Scuola Primaria del plesso “Cufalo” e delle classi IA e IC della Scuola Secondaria di I grado dell’Istituto, coordinati dal referente all’Educazione Civica, l’insegnante Romina Di Martino e dal referente all’Educazione Ambientale, prof.ssa Antonella Vaccaro.

Dalle ore 11:00 alle 14.00 del 26 e del 31 gennaio docenti e alunni hanno partecipato alla prima fase del progetto promosso da FLAG GAC- “Il Sole e l’Azzurro, tra Selinunte, Sciacca e Vigata”. Il progetto coinvolge l’intero territorio dei comuni facenti parte del GAC (Gruppo Azione Costiera) che coincide con l’ampia fascia costiera dell’area meridionale della Sicilia (circa 120 km) che va da Campobello di Mazara a Porto Empedocle, comprendendo quasi tutto il contesto litoraneo della provincia di Agrigento del versante ovest ed alcune aree della provincia di Trapani.
L’iniziativa rappresenta un’occasione per valorizzare le straordinarie risorse dei comuni del GAC che rappresentano dei punti di forza e riguardano non solo le risorse naturali dell’ambiente costiero e storico-culturali, ma anche l’elevata qualità di alcuni prodotti agroalimentari tipici del territorio.

Il percorso didattico –formativo proposto ha previsto 2 moduli:

Modulo 1 – “UNA TAVOLA BLU – Per conoscere il mare ed imparare ad utilizzare le sue risorse in modo sostenibile”,

Modulo 2 “LA MIA COSTA- Cosa posso fare io per il mio territorio” .

Ad ogni modulo hanno partecipato 2 classi e la parte teorica è stata gestita da alcuni operatori ambientali che , a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria, hanno svolto le loro lezioni in videoconferenza.

Gli alunni sono stati coinvolti nelle attività attraverso un percorso di informazione e di partecipazione attiva che ha previsto seminari informativi e scientifici, visione di documentari, giochi interattivi e quiz e ha consentito di raggiungere una conoscenza più approfondita del valore dell’ambiente naturale e rendendo gli alunni cittadini più consapevoli e rispettosi del territorio che li circonda.

I due percorsi formativi , infatti, finalizzati a migliorare l’immagine dei prodotti della pesca ed a maturare il rispetto e la tutela delle risorse naturali hanno ampliato, da una parte, le conoscenze dei ragazzi sulle principali specie vegetali ed animali dell’ambiente marino e le qualità organolettiche del prodotto ittico, dall’altro, la conoscenza di bellezze naturali, quali le Aree Terrestri e Marine Protette, per generare comportamenti volti alla sostenibilità e alla difesa ambientale, all’uso più consapevole delle risorse, alla riduzione delle azioni a forte impatto ambientale.

Il progetto prevede anche una seconda fase, in primavera , con attività laboratoriali che si spera possano essere svolte in presenza al fine di sviluppare concetti ed esempi reali di cittadinanza attiva che rendano protagonisti i ragazzi, suscitando loro l’impegno civico e la consapevolezza della responsabilità ambientale verso il proprio territorio.

Agli incontri ha partecipato anche l’Amministrazione Comunale, gli assessori Emanuele Macaluso e Leonardo Augello che hanno rivolto un breve saluto agli alunni, sottolineando come il mare rappresenti una delle risorse più importanti della Sicilia, ma anche del nostro territorio. Ecco perché tutti dobbiamo impegnarci nella salvaguardia del suo ecosistema, minacciato purtroppo da tanti pericoli, come l’inquinamento e il riscaldamento globale, che stravolgono anche il nostro stesso vivere. L’impegno dell’Amministrazione è quello quindi di intraprendere azioni di controllo e di tutela nei confronti di uno dei tesori più grandi che abbiamo: il mare , consapevole però che in questa battaglia non sarà sola, ma potrà contare sull’aiuto dei più giovani.